sabato 26 dicembre 2009

L'esatta percezione

Quando?: il primo giorno utile di apertura dopo Natale
Dove?: l'ambulatorio medico del mio amico GL
Chi?: il mio amico GL e uno dei suoi più "affezionati" pazienti (età 75 anni)

Cosa?: visita medica

Perchè?: stato di sofferenza del "paziente"

Si riporta, adattandolo, dialogo tra medico (M) e paziente (P)

P: Dutturi avi ru iorna ca mi sientu mali.
D: Che si sente? Che sintomi ha?

P: Chi sacciu Duttù. Ruoppo a iurnata i Natali accuminciai a vomitari; praticamente mi lanzavi puri i vuriedda. Poi accuminzò u scisùni. Du iorna attaccatu a tazza ru ciesso. Ma u sacciu ìu picchì m'intisi mali!

D: Mi dica che cosa ha mangiato per Natale.

P: Ma chi manciavi! Lei u sapi dutturi ca iu sugnu viecchiu e manciu sempre liggeru! Lei mu rissi!

D: Proprio per questo glielo chiedo. E allora che cosa ha mangiato?

P: Tutti cosi genuine dutturi. Ciù rissi a me mugghieri di priparari cose semplici e idda, mischina, m'arrispittò. Ma u sacciu ìu picchì m'intisi mali!
D: Ho capito, ma che cosa ha mangiato? Me lo vuole dire?

P: E chi manciavi.... p'accuminzari mi manciai n'anticchia di mussu,
quarumi, carcagnuolo, frittula, centupieddi, trippa, na mienza vastiedda ri pani ca meusa maritata (ndr: la mezza vastedda corrisponde a circa 250 gr di pane condito oltre che con milza saltata in padella con la "saimi" cioè lo strutto, anche "maritata" con ricotta fresca e caciocavallo grattugiato), poi quattro (leggasi 24) panielle, cazzilli e rascature. Ma u sacciu ìu picchì m'intisi mali!
D: Ma sta parlando del pranzo di Natale o della vigilia?
P: Ra nuttata duttù. Eramo tutti a me casa
e c'erano puri i picciriddi.
D: E anche loro hanno mangiato le stesse cose?
P: Chi vuoli babbiari dutturi. E chi siemo scimuniti? Ai picciriddi un ci ficimu mancu tastari a trippa, chi è truoppo addugghiusa.

D: Mah! Comunque. Ha mangiato altro?
P: N'anticchia i pasta u furnu
(leggasi mezza teglia di anelleti conditi con tritato, "salama", uova, piselli, estratto, caciocavallo), ru fila i pasta chi sairdi, ru fiette di bruciuluni (falso, ma proprio falso-magro imbottito con gli stessi ingredienti della pasta al forno), un carduni ca pastiedda, 4 vruoccoli ca pastiedda, ru cacuocciola ca pastedda, a pastiedda ca pastiedda, n'anticchia di capuni frittu ca cipudduzza, un piatticieddo r'insalata ca fa addiggiriri cu l'aringa, tri cadduozzi ri sasizza......
D: Complimenti!
P:.........un pezzu ri grattò chi fici me figghia, tri arancine ca cairni, na fietta ri cassata siciliana, un cannuolo ra Chiana, ru cucciddati e poi una fettina sottile sottile di panettone al cioccolato, ma troprio un'anticchia! Ma u sacciu iu picchi m'intisi mali!
D: E per fare calare tutta sta roba che cosa ci ha bevuto sopra!

P: E proprio cà vuogghio veniri dutturi. U sacciu ìu picchì m'intisi mali! Avi a sapiri ca me ienneru, chiddu ca nisciu l'avutru misi ri l'Ucciarduni, arricampò un bidoncino di 20 litri di v
ino di Partinico. U paò na miseria, 5 euro dutturi. Mancu pi fallo! Minni puotti calari, chi dicu, 2, 3 bicchieri (leggasi 23 bicchieri). Poi a finuta ra manciata mi vinni in tiesta ri fari na minchiata e m'arruvinavi chi me manu!
D: E che ha fatto di così grave!

P: Dutturi chi sapìa iu! Mi vippi menzu bicchieri ri acqua minerali ca mi fici svummicari un acitu ma un acitu.... Mi fici velienu! Fu l'acqua dutturi, l'acqua. Avia manciatu accussì leggeru!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Questo è quello che succede al vero Palermitano, perchè l'acqua non va bene nel sangue, lo sporca,
e poi noi uomini duri se non comincuamo la nostra giornata con 1panino ca' meusa e 1 bottiglia di birra alle 4,30 del mattino a porta carbone la giornata è rovinata.
E' l'acqua che fa male.
il tuo MMg

ProfGiov ha detto...

Solo se alle sei ti cali pure un bello cartoccio con la frittola con tanto di "attaccagghieddi" che sono leggeri leggeri!